venerdì 5 febbraio 2021

Raffaello, il primo imprenditore della storia - inBREVE

 



Raffaelo Sanzio nasce il 28 Marzo 1483 ad Urbino, ed è uno dei più importanti riferimenti del rinascimento italiano. Figlio d’arte, suo padre, Giovanni de’ Santi era un pittore molto conosciuto ad Urbino e la sua bottega era fiorente, muore però quando il piccolo Raffaello ha 8 anni, a 11 anni Raffaello perderà anche sua madre. Prende le prime lezioni d’arte dal padre per poi conoscere Perugino e farsi istruire da lui. I suoi principali personaggi sono elementi sacri, personaggi religiosi e angelici. Molto note sono le Madonne con bambino, infatti se vedete una Madonna rossa e blu con due bambini allegri e giocherelloni, il dipinto è sicuramente di Raffaello. Era una persona molto intelligente, secondo alcuni fu il primo “imprenditore della storia” perché la sua bottega era una vera macchina da guerra composta da un “Team” di collaboratori che prendevano commissioni e lavoravano col pittore. Fu molto devoto anche a Leonardo Da Vinci e a Michelangelo, infatti nelle sue opere la loro influenza è molto presente. Fu anche architetto, ma in questo articolo mi limiterò a parlare esclusivamente della sua pittura.


 

 Vediamo le sue opere più rappresentative…

 


“Sposalizio della Vergine”

Questo dipinto a olio su tavola è probabilmente del 1504 ed è conservato presso la Pinacoteca di Brera a Milano. Quest'opera venne commissionata dalla famiglia Albizzini per la cappella di San Giuseppe nella chiesa di San Francesco a Città di Castello. Rappresenta Lo sposalizio di Maria e Giuseppe che avviene in primo piano, dietro di loro vi è un sacerdote che, tenendo le mani di entrambi, officia la funzione. A destra dalla parte di Maria vi è un gruppo di donne, mentre a sinistra, la parte di Giuseppe è riempita da un gruppo di uomini. Tutte le figure sono molto elastiche e vi è un utilizzo di colori molto accesi e luminosi. Lo sfondo è occupato da una piazza lastricata a grandi riquadri, al termine della quale si trova un edificio a pianta centrale, al culmine di una gradinata, sul cui portale convergono tutte le linee prospettiche del dipinto.


“Autoritratto”

Questo che vedi è l’autoritratto che Raffaello dipinse nel 1506. È oggi conservato nella galleria degli Uffizi. Il quadro presenta una caratteristica comune nei ritratti dell’epoca: il pittore guarda fisso negli occhi lo spettatore, i l suo busto è particolare ed è diverso dagli altri perché è girato in una posizione rara e particolare. Il suo abito e il suo sono neri, vestiti che i suoi pittori contemporanei utilizzavano frequentemente per i loro Autoritratti.


“Ritratto di Giulio II”

Quest’olio su tavola del 1511 fu commissionato, per l'appunto da Papa Giulio II. È conservata nella Galleria degli Uffizi di Firenze. Il Papa è rappresentato seduto (un po’ ricurvo) sulla sua poltrona. La figura principalmente bianca e rossa crea un contrasto cromatico non indifferente. I pontefici erano di solito ritratti di profilo, magari in ginocchio, o rigidamente frontali ecco perché Raffaello ha cambiato il modo di ritrarre i Papi. Eccezionale per l'epoca fu anche la rappresentazione intima dello stato d'animo di un soggetto di tale importanza, così evidentemente introspettivo, perso nei propri pensieri. Il 1511 era infatti un anno particolarmente duro per il pontefice, che aveva subito pesanti sconfitte da parte dei Francesi, vedendosi riprendere Bologna e subendo continuamente la minaccia degli eserciti stranieri.

 Morte:

Raffaello Sanzio muore a Roma il 6 aprile 1520, dopo 15 giorni di febbre (anche se la causa vera della morte non si conosce si ipotizza che sia deceduto a causa della Sifilide, altri dicono che la sua morte sia dovuta ad un “eccesso amoroso”) i suoi contemporanei raccontano che dopo la sua morte, una scossa di terremoto e delle nuvole fitte e cupe si precipitarono su Urbino.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbe interessarti anche:

Arte Rubata - inBREVE

  Oggi vi propongo una carrellata di opere d’arte rubate, delle quali, ancora oggi non si sa niente…iniziamo… I Papaveri – o “Vaso e Fiori” ...